Albasole
Albasole Greenpark - portale informativo
È un nuovo modo di vivere il rapporto fra l'uomo e la natura attraverso le attività sportive, ricreative e spirituali.
Pensato nel pieno rispetto dell'Ambiente secondo i principi della Green Economy, il Progetto Albasole è sviluppato in un'area d’immediato retrocosta ad Albisola Superiore.
Albasole è quindi anche cultura del bosco e nel bosco.
Qui di seguito le risposte alle domande più frequenti, raccolte nell’ambito del processo partecipativo attivato già nella fase preliminare alla messa a punto del progetto.
Sono scaricabili anche i documenti ufficiali.

Domande ricorrenti e risposte
1. Che cos'è il progetto Albasole Greenpark?
Albasole Greenpark è un grande parco “multi attività”, totalmente immerso nella natura. E’ un parco per tutti, per residenti e per turisti. Per tutte le età, per tutte le “diverse” abilità. Per tutti quelli che amano la natura e le attività all’aria aperta. Per tutti quelli che vogliono “portarsi a casa qualcosa”. Il progetto ha l’obiettivo di valorizzare la vocazione del territorio, con proposte di eccellenza internazionale, a beneficio di turisti e residenti, partendo proprio dalle risorse naturali, culturali e paesaggistiche presenti (e da recuperare) nell’area di interesse.
Sport, divertimento, attività naturalistiche e cultura sono i temi del Parco. Palestre attrezzate per l’arrampicata sportiva, Slackline Park, attrazioni adrenaliniche, teleferiche, percorsi fitness nel bosco, parco acrobatico, parco bimbi, percorsi naturalistici e didattici, piste per cicloturismo, birdwatching, school area, business area, aree pic nic, zone relax e angoli di lettura, ristori, aree per teatro e spettacoli e aree per “amici a 4 zampe”, sono alcune delle proposte del parco. E’ stato anche previsto lo svolgimento di attività di coaching, team building, sviluppo personale e formazione sulla sicurezza.
Il bosco naturale occupa il 97% dell’intera superficie e costituisce l’elemento caratterizzante del progetto. La riqualificazione delle vie d’accesso e dei percorsi, faciliteranno la gestione degli spazi naturali rendendo possibile la promozione della “cultura del bosco” (tutela e valorizzazione) e della “cultura nel bosco” (eventi teatrali e d’intrattenimento).
Il progetto prevede il ripristino, il miglioramento e l’ arricchimento della rete sentieristica esistente, per uno sviluppo complessivo pari a Km 14 e la realizzazione di tre percorsi attrezzati (ubicati in Valle Pian del Pero):
  • “Vivere nel bosco” (Km 4,7)
  • “Albasole Biowatching” (Km 5,3)
  • “L’Alta Via di Albasole” (Km 2,2)
Albasole Greenpark è quindi:
Un luogo da vivere attivamente: grazie alle proposte outdoor e agli sport all’aria aperta. All’interno del parco è possibile camminare (e imparare a camminare), correre, arrampicarsi, “volare”, pedalare.
Un luogo da vivere rilassandosi: scoprendo una dimensione contemplativa dell’incontro con l’ambiente naturale e il paesaggio, che diventa luogo ideale dove leggere, riflettere, divagare.
Un luogo da vivere divertendosi: il parco è un luogo di svago “intelligente” e sicuro, dove tutti i visitatori, dai singoli alle intere famiglie, dai giovani ai senior, possono trascorrere ore spensierate e riscoprire una dimensione ludica autentica.
Un luogo da vivere scoprendo: ad Albasole Greenpark il divertimento va di pari passo con l’apprendimento (edutainment). I percorsi didattici, ad esempio, consentono di incontrare la storia dei luoghi e le tradizioni della cultura ligure con esperienze dinamiche e coinvolgenti. Albasole si candida, inoltre, a diventare - grazie alla qualità del suo bosco (Valle Pian del Pero), alla sua raggiungibilità (vicinanza alle strade di grande comunicazione) e alla sua ritrovata fruibilità (accesso in Valle Ispina) - un’eccellenza del biowatching: l’osservazione della biodiversità dell’ambiente terrestre; in un territorio che già vanta – orgogliosamente - l’Acquario di Genova: l’eccellenza europea della biodiversità dell’ambiente marino.
Un luogo da vivere partendo e tornando: l’esperienza di Albasole Greenpark non si esaurisce all’interno dei confini del parco. I visitatori partiranno alla scoperta delle innumerevoli opportunità della destinazione, dalla Riviera dell’Outdoor di Finale Ligure alle spiagge della costa, trovando nel parco un punto di riferimento che valorizza ed integra l’offerta turistica dell’area.
Il progetto prevede la realizzazione di opere e strutture sia pubbliche che private. L’accesso e l’utilizzo delle strutture pubbliche, realizzate e finanziate integralmente dal soggetto privato, è totalmente gratuito.
L’accesso al Parco Albasole è a pagamento e il costo sarà variabile in funzione dei servizi utilizzati. Sono previsti abbonamenti e agevolazioni per i residenti, convenzioni con operatori turistici, commercianti e scuole.
2. E’ vero che Albasole Greenpark sarà realizzato sopra una discarica?
Assolutamente no.
La realizzazione delle opere di progetto, tutte concentrate nella sola Valle Ispina, richiede l’utilizzo di terre e rocce (quindi nessun rifiuto e tantomeno terre contenenti amianto.) La condizione imprescindibile per la realizzazione e il successo del grande parco ludico sportivo e naturalistico, a servizio di un turismo internazionale e della popolazione residente, è quella di dotare l’area delle minime ma indispensabili infrastrutture e dei servizi primari (una pur contenuta strada carrabile – un parcheggio e alcune superfici in piano). I riempimenti con terreno naturale sono quindi motivati da tali esigenze.
3. Come verrà modificato l’assetto dei luoghi?
Gli interventi di trasformazione interessano solo il 3% dell’area complessiva del Parco e non riguardano la Valle di Pian del Pero e il Rio Buraxe perchè sono tutti concentrati in una parte della Valle Ispina, nella zona di minor pregio e di minor valore paesistico. Tali interventi sono:
  • realizzazione dell’unica viabilità di accesso, costituita da un ponte di attraversamento del Rio Basco e da una strada carrabile - di dimensioni minime - per consentire l’accesso alla sola Valle Ispina; la Valle Pian del Pero sarà quindi raggiungibile e accessibile dalla Valle Ispina, esclusivamente a piedi o in bicicletta.
  • realizzazione delle aree pianeggianti necessarie alla collocazione delle attrazioni previste dal progetto, dei fabbricati di servizio ( 700 mq) e del parcheggio; i rilevati saranno realizzati con terreno naturale.
  • spostamento di un solo tratto (m. 500) del rio Ispina e realizzazione di opere di ingegneria naturalistica per favorire la formazione di anse e lo sviluppo di vegetazione spontanea ripristino vegetazionale dell’area interessata dalle suddette opere (3% sul totale del Parco)
Tutti gli altri interventi di progetto non implicano una trasformazione dei luoghi e sono:
  • manutenzione e cura della vegetazione esistente nella Valle Rio Ispina;
  • manutenzione e cura del bosco presente nella Valle Pian del Pero;
  • interventi per tutelare la vegetazione e preservarla dal rischio d’incendio;
  • interventi per favorire e migliorare la biodiversità;
  • ripristino, miglioramento ed arricchimento della rete sentieristica esistente per uno sviluppo complessivo pari a Km 14;
  • realizzazione di tre percorsi attrezzati :

    “Vivere nel bosco” (Km 4,7)
    “Albasole Biowatching” (Km 5,3)
    “L’Alta Via di Albasole” (Km 2,2)

  • realizzazione di dieci piccole “stazioni” per l’osservazione della biodiversità e per la fruizione del paesaggio;
  • installazione di sette piccole strutture in legno per attività di birdwatching (Valle Ispina e Valle Pian del Pero);
  • realizzazione (nell’ambito delle attività di pulizia e manutenzione del bosco) di trenta piccole aree attrezzate per il relax e la lettura (Valle Pian del Pero);
  • approntamento di sette zone silenzio – osservazione nuvole – osservazione stellare (Valle Pian del Pero);
  • realizzazione di dieci palestre naturali (outdoor fitness) attrezzate con tabelle di allenamento che riprendono i movimenti degli antichi mestieri del bosco (Valle Pian del Pero);
  • restauro dei fabbricati rurali esistenti in Valle Pian del Pero da adibire a locande raggiungibili esclusivamente a piedi e/o in bicicletta.
4. Qual è l’area interessata?
È una proprietà privata di grande estensione (oltre 180 ha), ubicata nell’immediato retrocosta del comune di Albisola Superiore, che abbraccia due valli parallele. Dalla Valletta del Rio Ispina (adiacente alla Strada Provinciale n. 334 del Sassello e confinante a nord con il Comune di Stella), l’area si estende fino ad occupare la quasi totalità dell’adiacente Valle di Pian del Pero, percorsa dal Rio Buraxe. Fino al dopoguerra l’area era abitata e produttiva.
5. È un’iniziativa pubblica o privata?
È un progetto d’iniziativa imprenditoriale privata che prevede anche la realizzazione di opere pubbliche a cura e spesa del soggetto privato.
6. Qual è lo scopo del progetto?
L’area è attualmente abbandonata, improduttiva e vulnerabile agli incendi. L’obiettivo del progetto è quello di valorizzarla, attrezzarla e presidiarla. Di pulire e coltivare il bosco, di ripristinare i sentieri e renderla utilizzabile a scopi turistici e ricreativi. Creare sviluppo e occupazione, stabile e duratura, con conseguenti ricadute positive anche per territorio, indotto turistico e commerciale.
7. A chi è indirizzato?
Il Greenpark Albasole si rivolge non solo a turisti e a visitatori, ma anche ai residenti del Comune e delle zone limitrofe.
Resterà aperto tutto l’anno per offrire occasioni di svago, sport e socializzazione.
8. Quando verrà realizzato?
Il Progetto è stato presentato al Comune di Albisola Superiore il 18 maggio 2012 che lo ha adottato il successivo 20 dicembre. Attualmente è in corso l’istruttoria regionale per la sua definitiva approvazione.
9. Chi sono gli imprenditori titolari del progetto?
Il Soggetto Attuatore e proprietario dell’area è la Società Il Garofano srl. I soci sono i fratelli Massimo e Carlo Vaccari (76%) , imprenditori savonesi, che intendono investire nel settore turistico e delle attività ricreative e culturali, la Castiglia Costruzioni di Plodio (6%) e la Società Edera (18%) controllata dalla famiglia Filippini di Genova in origine unica proprietaria dell’area.
10. Sono previste opere pubbliche a vantaggio della comunità?
Le opere di uso pubblico (gratuito) che verranno realizzate, oltre a viabilità, illuminazione stradale e parcheggi, sono rappresentate da aree verdi attrezzate e percorsi naturalistici che collegano con percorsi pedonali la strada provinciale con un belvedere (anch’esso attrezzato) sulla sommità del crinale.
11. Chi provvederà alla manutenzione delle opere pubbliche evitandone il degrado e garantendone la fruibilità nel tempo?
Il Soggetto attuatore si è formalmente obbligato a provvedere, a proprie spese, alla manutenzione di tutte le opere pubbliche.
12. È prevista la realizzazione di immobili nell’area?
Gli edifici del parco multi attività sono limitati alle strutture di servizio e ad una sola abitazione destinata al custode; la superficie edificata complessiva non supera i 700 metri quadrati.
13. In futuro sarà possibile realizzare operazioni immobiliari?
All’interno della proprietà (Valle di Pian del Pero), esistono sei fabbricati rurali attualmente in stato di abbandono e degrado che in futuro saranno ristrutturati per realizzare locande e rifugi raggiungibili, da Albasole Greenpark, esclusivamente a piedi o in bicicletta.
Il Progetto Urbanistico Operativo non ammette nuove operazioni immobiliari che sono, tra l’altro, incompatibili con la finalità dell’investimento che è quella di esaltare a scopi turistici e ricreativi la naturalità e la qualità ambientale dei luoghi.
14. Visto che è prevista la realizzazione di viabilità e di terrazzamenti, che materiali verranno utilizzati?
La realizzazione di tutte le opere di progetto prevede l’utilizzo di materiali ecologici e di origine naturale, quali ad esempio il legname del bosco e le terre di scavo.
15. Quanti posti di lavoro sono previsti?
Albasole Greenpark impiegherà, a regime, 53 addetti che potranno aumentare con lo sviluppo dell’attività e l’aumento degli utenti/visitatori. Sono previste importanti ricadute occupazionali sull’indotto.
16. A quanto ammonta lʼinvestimento?
Per la realizzazione del Greenpark è stato stimato un investimento di circa 6.500.000 euro.
17. Quali sono i vantaggi e quali le ricadute sul comprensorio?
Un Greenpark, concepito con criteri di sostenibilità, qualifica non solo l’area dove è ubicato, ma costituisce un elemento di valore per tutto il comprensorio, rispondendo agli obbiettivi di rilancio del settore turistico, fissati dalla pubblica amministrazione di Albisola Superiore.
L’iniziativa offre anche potenziali occasioni di sviluppo sinergico a tutti gli operatori locali del settore turistico -ricettivo, del commercio, dello sport e della cultura.
Albasole offre servizi alla comunità: luoghi di svago e di ritrovo, di sport nella natura, parcheggi. Condizioni agevolate per le famiglie liguri.
Per approfondire l’argomento guarda “l’albero Albasole”.
18. Dove posso acquisire maggiori informazioni sul progetto Albasole?
Nell’ archivio “documenti informativi” qui accanto, è possibile consultare e scaricare documenti e immagini del progetto. È inoltre a disposizione di tutti l’Ufficio Relazioni Esterne della Società proponente: 010/564076 – 335/5832702

 

Vuoi fare la tua domanda? Scrivi a
docs
documenti
informativi
Il Garofano srl - Partita Iva 01999240995